25 ottobre 2008

nessuno tocchi i ragazzi!

..... nessuno si permetta di minacciare, poi ritrattare, girare attorno alla questione......i ragazzi non si toccano!
sono la nostra speranza di democrazia, sono il nostro futuro, sono ancora liberi, nel cuore e nelle aspettative!
i ragazzi che protestano non sono nè numeri, nè estremisti, nè facinorosi
sono.......ragazzi......guai a chi li tocca!
manganellare bravi ragazzi di famiglia è il peggior crimine che uno pseudo governo liberale possa fare, significa schiacciarli, rimandarli indietro al loro posto, trattarli come un peso per questo riformismo che non ha tempo per le questioni spicciole
mi dispiace, io non ci sto, neanche in nome di quel "bisogno di sicurezza" che tanto si va sbandierando

la mia sicurezza sta anche nel fatto che se mia figlia di 18 anni decide di protestare contro qualcosa che ritiene ingiusto, lo possa fare senza rischiare il ricovero al pronto soccorso per le mazzate ricevute

non ho lavorato e pagato le tasse per 30 anni per ricevere questo alla fine

mi spiace, oltre alle preoccupazioni per la borsa che perde, ci sono anche queste, di noi povere famiglie normali che affrontano la vita giorno per giorno, sopportando le esternazioni di "ministre" da copertina

questa la dedico ai ragazzi e ai loro genitori, soprattutto





Get Up, Stand Up, stand up for your right
Get Up, Stand Up, don't give up the fight
Get Up, Stand Up, stand up for your right
Get Up, Stand Up, don't give up the fight

5 commenti:

  1. ...e come se si permettono!! Fanno tutto quello che vogliono e i consensi salgono alle stelle...mah!!!

    RispondiElimina
  2. Lasciamo ai ragazzi i loro sogni per un futuro migliore.
    Sono due giorni che le mie ragazze sono a manifestare, purtroppo con la morte nel cuore mi rendo conto che ormai siamo sotto dittatura, prima il grembiule poi sarà la volta del bavaglio,stiamo tornando al medioevo, questo caos porterà i genitori a mandare i figli nelle scuole private e chi non potrà permetterselo starà a casa.
    Che vergogna....

    RispondiElimina
  3. Sono contenta di essere nonna per aiutare i miei nipoti anche in questi frangenti

    RispondiElimina
  4. Anche io ho un figlia della tua eta e la penso esattamente come te.
    Manco da un po' dalla "blogosfera" ma torno e trovo cose nuove e belle.
    ciao e buon inizio settimana

    RispondiElimina
  5. Grazie per la veemenza che conservi! Purtroppo troppi stanno passando alla fase della rassegnazione. Io, nonostante l'età, sono pronta comunque a reindossare il mio eschimo e i miei anfibi che ho gelosamente conservato come ricordo di una gioventù che anche allora (parlo del '68), ha gridato e manifestato per gli stessi valori.
    Ed è troppo triste pensare di averlo fatto inutilmente!!!
    Un abbraccio
    Marina

    RispondiElimina